Aspetti legali delle soluzioni tecnologiche Beacon

Soluzioni tecnologiche Beacon

Grazie alla determinazione precisa della posizione, Beacon offre ai clienti informazioni e servizi precisi sul proprio smartphone nel punto vendita. Spieghiamo le soluzioni tecnologiche beacon e la tecnologia iBeacon!

Il nuovo “faro” nel cielo del marketing è causato da piccoli trasmettitori radio, gli iBeacons. La parola beacon deriva dall'industria aeronautica e marittima e significa qualcosa come radio beacon o beacon. Apple ha introdotto iBeacon l'anno scorso con il lancio del suo iOS 7 sistema operativo mobile. È per espandere i servizi di localizzazione del loro sistema operativo mobile iOS. Inizia dove il GPS e altri sistemi di localizzazione non funzionano più, all'interno di edifici.

Cosa sono tecnologia beacon soluzioni e come funzionano?

I beacon sono dei piccoli trasmettitori di pochi centimetri che non fanno altro che inviare un "beacon" di piccoli pacchetti di dati a distanza ravvicinata. Questo contiene essenzialmente tre informazioni: un UUID (Identificatore univoco universale), che serve per identificare in modo univoco il mittente, e due informazioni sulla posizione, maggiore e minore.

In parole povere: “Sono X e sono nell'Apple Store di New York (Maggiore) negli iPad (Minore) Dipartimento.” Apple stima che la portata di questo faro sia un po ' 10 metri. L'intervallo massimo definisce il confine tra l'ingresso e l'uscita dall'area attiva. Ci sono quattro zone all'interno di quest'area: Immediatamente = È molto probabile che il ricevitore si trovi a pochi centimetri dall'iBeacon. Vicino = La distanza è approssimativamente 1-3 metri. Lontano = viene ricevuto il segnale dell'iBeacon, ma non è possibile determinare se si trova nella zona vicina o immediata. Sconosciuto = La distanza dell'iBeacon non può essere determinata affatto.

Viene utilizzato un protocollo basato su Bluetooth Low Energy (DIVENNE), una tecnologia che consuma pochissima energia. E questo era tutto. Non sembra particolarmente eccitante, soprattutto non rivoluzionario. Diventa davvero interessante quando iBeacon entrano in contatto con un destinatario – per esempio. B. su uno smartphone compatibile con Bluetooth 4.0 su cui è installata un'app appropriata. Se un cliente si trova nel raggio di un faro, l'app sul suo smartphone può essere utilizzata per fornirgli offerte o informazioni basate sulla posizione.

Come funziona la tecnologia beacon

Aspetti legali delle soluzioni tecnologiche Beacon

gli iBeacon inviano solo informazioni sulla loro identità e sulla loro posizione nella stanza. Non raccolgono dati personali e pertanto non sono di importanza legale. I problemi di protezione dei dati diventano rilevanti solo in relazione allo scambio di dati tra il server e l'app del provider.

Le aziende sono senza dubbio responsabili di allineare il loro bisogno di informazioni sui clienti esistenti o potenziali al quadro giuridico. L'attenzione si concentra sulla trasparenza e informazioni complete per gli utenti. Ma non c'è dubbio che l'utente sia responsabile. Ovviamente, possono decidere se installare un'app e accettare di accedere a vari dati. Se decidi di farlo, dovresti prenderti il ​​tempo di leggere gli accordi dell'utente e le condizioni di licenza per prendere una decisione consapevole e consapevole.

La tecnologia IBeacon ha il potenziale per affermarsi come una delle tecnologie standard nel prossimo futuro. I ricercatori di mercato ritengono che il posizionamento di questa tecnologia nel POS abbia un grande potenziale di crescita del mercato. E le menti creative stanno già sviluppando sistemi compositi in cui, per esempio, B. Servizi di localizzazione come il GPS, WLAN e beacon possono essere riuniti per un uso ottimale. L'impatto che ciò avrà sui potenziali utenti e sul mercato non è attualmente prevedibile. Ma è sicuramente interessante osservare l'ulteriore sviluppo.

Che dire di iBeacons e protezione dei dati? Leggi l'intervista a Frederick Richter, avvocato e membro del consiglio di amministrazione della Data Protection Foundation.

Frederick Richter è presidente della Data Protection Foundation di Lipsia. La Data Protection Foundation è stata fondata dalla Repubblica Federale Tedesca per rafforzare la capacità della popolazione di proteggere i propri dati attraverso l'istruzione e la formazione. Il SISTEMA PROFESSIONALE gli ha fatto domande sugli aspetti legali delle nuove soluzioni tecnologiche di beacon.

Sig. Richter, riscontri problemi relativi alla protezione dei dati degli utenti con lo stato attuale delle nuove soluzioni di tecnologia beacon?

Come spesso, problemi con la protezione dei dati degli utenti sorgono anche con la nuova tecnologia iBeacon solo quando sono collegati diversi tipi di dati. Gli attuali dispositivi beacon inviano solo informazioni sulla propria posizione. Questi dati non sono né personali né personali. Quando si guarda solo il faro di invio, c'è, perciò, nessun problema. Può essere più difficile se le app vengono visualizzate anche sullo smartphone indirizzato dal beacon. Perché questi possono dire molto all'operatore del faro sull'utente. L'utente deve essere sempre chiaro su questo in modo che possa decidere se desidera continuare a utilizzare l'applicazione corrispondente sul proprio telefono. I fornitori dovrebbero quindi comunicare chiaramente cosa vogliono fare con i dati dell'utente.

Contributo tecnico: Beacon soluzioni tecnologiche – Pericolo per la protezione dei dati?

Il collegamento in rete di oggetti di uso quotidiano è la prossima grande novità nel mondo digitale. Oltre a televisori e frigoriferi collegati in rete, Anche i contatori elettrici intelligenti fanno parte della nostra vita quotidiana. Con l'acquisizione da miliardi di dollari da parte di Nest, Google si posiziona sul mercato dei dispositivi in ​​rete. Samsung e LG vedono anche un grande potenziale nell'Internet of Things e stanno già sviluppando le proprie piattaforme per la rete domestica. I ricercatori di mercato prevedono in giro 26 miliardi di dispositivi connessi a Internet da 2020. Oltre agli articoli per la casa "intelligenti", la rete di prodotti nella vendita al dettaglio è particolarmente interessante per gli esperti di marketing. Percepiscono la tanto attesa connessione tra commercio online e offline e quindi hanno grandi speranze per le nuove tecnologie. Con la cosiddetta Near Field Communication (NFC), i rivenditori stanno già provando varie soluzioni in questo settore. però, l'obiettivo della localizzazione dei clienti nei grandi magazzini non è raggiunto in modo soddisfacente dalla tecnologia attuale (RFID, WLAN, infrarosso). Con la cosiddetta tecnologia beacon, lo standard tecnico necessario deve ora essere creato.
I beacon utilizzano una versione ridotta dello standard Bluetooth, che utilizza meno energia per la trasmissione dei dati ed è quindi adatto anche per oggetti di uso quotidiano. Questo futuro mercato non è rimasto nascosto da Apple: recentemente, iBeacon è stato lanciato come soluzione propria. La domanda per i consumatori è quali dati vengono effettivamente elaborati da questi beacon e se la tecnologia crea un nuovo software di monitoraggio. Il seguente articolo offre una panoramica tecnica e affronta gli aspetti legali della protezione dei dati.

Rischio di protezione dei dati?

Nella legge sulla protezione dei dati, occorre fare una distinzione tra il beacon come programma mittente e destinatario.

1. Operatore di segnalazione

Concentriamoci prima sull'operatore del faro. La stessa soluzione di tecnologia beacon invia solo i numeri di identificazione già menzionati, che può essere elaborato dai dispositivi di ricezione in un raggio più vicino. Poiché i beacon vengono inviati da singoli oggetti, di solito non esiste alcun riferimento personale ai sensi della Sezione 3 (1) della legge federale sulla protezione dei dati (BDSG). Il beacon stesso non può capire quale dispositivo riceve i numeri di identificazione perché il flusso di dati è solo unilaterale. Un riferimento personale sarebbe concepibile solo se un oggetto su cui è installato il faro è assegnato a una persona specifica. Paragonabile a un ID smartphone, un riferimento personale potrebbe essere fornito qui se ulteriori informazioni (nome, e-mail, profilo Facebook, eccetera.) è collegato a questa data. Nel suo articolo su iBeacons sulla rivista PING, von der Heide descrive l'esempio del portachiavi iBeacon, che consente al proprietario di determinare la posizione del suo portachiavi utilizzando l'app. Sarebbe pertinente la legge sulla protezione dei dati se ulteriori informazioni personali fossero aggiunte al telecomando.

Conclusione: Dal momento che i beacon agiscono come puri trasmettitori, non esiste un trattamento dei dati personali rilevante ai fini della protezione dei dati. Di regola, anche il faro stesso non ha riferimenti personali, poiché non si tratta di informazioni individuali su una persona specifica o identificabile. Le uniche eccezioni sono una connessione fissa tra l'oggetto con il beacon installato e una persona.

2. Programma di ricezione

In contrasto con il faro, il programma del ricevitore (di solito un'app per smartphone) elabora e valuta le informazioni. Poiché l'app è regolarmente collegata a un account utente, i dati personali vengono archiviati ed elaborati. Per esempio, il programma riceve le informazioni che l'utente era nel ramo di una catena di grandi magazzini in un determinato momento. Poiché la posizione esatta all'interno del ramo può essere determinata anche dalla tecnologia beacon, ci sono interessanti opportunità pubblicitarie. Quindi un utente avrebbe potuto guardare un determinato prodotto. Attraverso il tracciamento con un faro, il negoziante riceve l'informazione che l'acquisto non è stato completato (il beacon alla cassa non è stato attivato). Per poter ancora vendere i suoi beni, le informazioni nell'app potrebbero essere utilizzate per il retargeting su Internet. Idealmente, l'utente viene quindi indirizzato al negozio online e spostato per completare l'acquisto. La tecnologia Beacon estende così il retargeting con un canale offline.

A causa del riferimento personale diretto (App – account utente – Posizione – faro), il trattamento secondo la legge tedesca sarebbe in linea di principio possibile solo con il consenso dell'interessato. Se l'utente è a conoscenza dei processi di elaborazione dei dati durante l'installazione di un'app, una giustificazione legale potrebbe servire (elaborazione per adempiere al contratto). Ciò dovrebbe essere verificato individualmente in base all'attuazione concreta.

In ogni caso, l'utente deve essere sufficientemente informato. Secondo il Telemedia Act (TMG), gli utenti devono essere adeguatamente informati in anticipo dei processi di elaborazione nell'ambito di una dichiarazione sulla protezione dei dati. I proprietari dell'app dovrebbero pertanto chiarire gli scopi per i quali utilizzano i dati sulla posizione degli utenti. Anche le misure di marketing dovrebbero essere nominate. Una revisione dell'Ufficio di Stato bavarese per il controllo della protezione dei dati dell'anno scorso mostra che l'obbligo di fornire informazioni esaurienti nell'ambito di una dichiarazione sulla protezione dei dati è ignorato in molti casi. Tuttavia, gli imprenditori non dovrebbero lasciare alcun vuoto qui, ma dovrebbe creare fiducia con i propri utenti attraverso la necessaria trasparenza. Puoi trovare informazioni sulla creazione di tale dichiarazione sulla protezione dei dati qui.

Cosa dovrebbe fare per garantire la protezione dei dati beacon?

Diventa particolarmente critico se viene compromessa la libertà dell'utente di prendere decisioni sui dati che lo riguardano. Ciò sarebbe concepibile se la tecnologia Bluetooth a bassa energia utilizzata dai beacon fosse attivata sul dispositivo dell'utente e quindi fosse installata un'app, che invia segretamente informazioni al server dell'operatore beacon su richiesta dei beacon tramite questo canale. Tale abuso di fiducia sarebbe già sanzionato ai sensi della legge applicabile sulla protezione dei dati, poiché l'utente non ha dato il consenso informato. In casi così legalmente chiari, l'utente deve anche prevenirlo. Dovrebbe ottenere app solo da fonti affidabili, da lì può piuttosto aspettarsi di giocare con le carte aperte.

Vedi potenziali opportunità di sviluppo per le soluzioni di tecnologia beacon e la sua applicazione che potrebbero mettere in pericolo la protezione dei dati?

Finora, gli utenti di smartphone hanno molto in mano. Perché non è necessario installare app che reagiscono agli iBeacon e che possano divulgare dati personali indesiderati. però, questa autodeterminazione potrebbe essere messa a repentaglio se la tecnologia beacon fosse implementata anche su iPhone o smartphone stesso, vale a dire. se l'utente stesso emette segnali che possono a. può portare a una posizione interna molto precisa della sua persona. Quindi dovrà essere meglio informato su ciò che la tecnologia e le offerte vogliono rivelare. Qui i fornitori saranno tenuti a comunicare chiaramente al fine di creare fiducia con i clienti o potenziali clienti.

Conclusione: La tecnologia Beacon offre alle app nuove possibilità per l'elaborazione dei dati. Oltre alla questione della ricevibilità legale (consenso o base giuridica), gli obblighi di informazione in particolare diventano interessanti per l'operatore. Qui gli operatori devono descrivere tutti i processi di elaborazione pertinenti con riferimento personale al fine di creare la trasparenza necessaria per i consumatori.

Parla con un esperto