Beacon Technology – Come funzionano e come possono essere utilizzati

Come funziona la tecnologia beacon e come possono essere utilizzati

Battaglia della tecnologia Beacon:

Google continua a lavorare sulla rete onnicomprensiva e ora ha introdotto un equivalente dell'iBeacon di Apple. Il formato beacon aperto Eddystone offre una gamma di strumenti e interfacce con cui gli sviluppatori possono controllare la comunicazione e lo scambio di dati tra diversi dispositivi. La piattaforma supporta dispositivi Android e iOS ed è un concetto di tecnologia beacon olistica con estensioni per UriBeacon / Web fisico, dati di telemetria e sensori e una registrazione beacon centrale per piattaforme beacon aperte.

Le specifiche sono state caricate sul portale per sviluppatori Github. Google si affida allo standard di trasmissione Bluetooth Low Energy e ai piccoli trasmettitori radio – i cosiddetti beacon. Con l'aiuto del trasmettitore radio, è possibile connettere offline con il mondo online. I commercianti possono inviare offerte di prodotti allo smartphone di clienti e passanti o utilizzare la tecnologia beacon per la navigazione interna. Finora, l'installazione di un'app corrispondente e l'attivazione di Bluetooth era un prerequisito per l'utilizzo dei beacon.

Tecnologia Google Beacon

Sei un rivenditore e hai idee ma non un'app? Hai un'app ma nessuna infrastruttura iBeacon? Contatto MOKOSmart e ti mostreremo come utilizzare proficuamente la tecnologia beacon.

Google ha rilasciato due interfacce nell'ambito della sua iniziativa beacon: l'API vicina e l'API Proximity Beacon. Nelle vicinanze si intende aiutare a individuare, collegare e scambiare vari dispositivi nell'area. Google si affida a una combinazione di Bluetooth, WiFi e segnali audio non udibili dall'orecchio umano. L'API Proximity Beacon può essere utilizzata per controllare e gestire i dati scambiati tra il dispositivo e i beacon. Questi sono memorizzati nel cloud. Con l'API Places, le azioni basate sulla posizione possono essere controllate. Google non sta solo prendendo di mira la connessione degli smartphone, ma sta anche guardando verso la casa intelligente. Google collabora con vari produttori di beacon, tra cui MOKOSmart, Ti apprezzo, Kontakt.io e Radius Networks. MOKOSmart vede Eddystone come “un passo importante per tutti i fornitori di applicazioni di prossimità e soluzioni beacon” e si aspetta che l'iniziativa beacon di Google aumenti il ​​mercato dei beacon e quindi anche i servizi e le app basati sulla posizione.

Come faccio Faro i dispositivi funzionano?

La tecnologia Beacon si basa su BLE – Bluetooth a bassa energia. Ciò consente a un dispositivo abilitato BLE di avviare un cosiddetto processo di trasmissione. Invia sempre gli stessi valori a intervalli fissi, simile a un faro. Con un iBeacon, il messaggio inviato, la cosiddetta pubblicità standard, è costituito da UUID, maggiore e minore. Lo smartphone riceve questa combinazione unica e può valutarla senza necessità di accoppiamento o scambio di dati.

La portata del segnale BLE è fino a 50m e quindi chiude uno spazio tra NFC (Near Field Communication), che invia i dati in modo molto preciso ma solo fino a pochi centimetri, e Wi-Fi, che può coprire un intervallo molto più lungo, e quindi di nuovo è troppo impreciso per una determinazione della posizione.

Nel frattempo, Google ha seguito e pubblicato il proprio protocollo con Eddystone, che può contenere ancora più informazioni, come un URL diretto per abilitare l'uso di applicazioni web mobili.

La base dei beacon è il principio trasmettitore-ricevitore. Per questo scopo, trasmettitori (i beacon) sono collocati nella stanza che fungono da dispositivi di segnalazione. Questi beacon inviano segnali in un certo intervallo di tempo che i ricevitori (per esempio. smartphone) può capire ed elaborare. Ciò semplifica la determinazione della posizione del destinatario, che consente anche la navigazione interna.

Categorie della distanza misurata

A seconda della potenza del segnale, la distanza misurata tra trasmettitore e ricevitore è divisa in una delle seguenti categorie:

L'immediato – distanza di pochi centimetri
Vicino – distanza pochi metri
Lontano – distanza fino a 70 metri

Un radiofaro può inviare una trasmissione al ricevitore se il ricevitore entra nella regione, “Uscito”, o resta nella regione (“indugiato”) – a seconda di come è stato configurato il faro. Questi beacon possono essere configurati tramite una piattaforma di gestione dal produttore. Il dispositivo è registrato utilizzando il numero di identificazione univoco (UUID), maggiore e minore del faro. Gli eventi possono anche essere assegnati al beacon.

Piattaforme di gestione dei beacon

I beacon inviano solo i loro “identità” (UUID, Maggiore, Minore). L'app associata – se il ricevitore è uno smartphone – deve interpretare questo segnale e sapere cosa farne. però, lo smartphone riceve questo segnale solo quando il Bluetooth è attivato. Il modo in cui l'app gestisce le informazioni dipende dall'implementazione. L'azione desiderata (per esempio. mostrando una notifica push) è implementato nell'app stessa o sono richieste ulteriori informazioni da un server. però, le informazioni non devono sempre essere visualizzate sullo smartphone, ma i modelli di movimento possono anche essere registrati e successivamente analizzati. Un esempio di ciò è la registrazione di passerelle nei negozi, che può aiutare a ottimizzare i layout del negozio.

Quali sono i vantaggi della tecnologia Beacon?

La tecnologia spiegata e le opzioni associate rendono i beacon particolarmente interessanti nel servizio di localizzazione: BLE può essere utilizzato ovunque non sia possibile raggiungere una posizione sufficientemente precisa perché il GPS o il Wi-Fi non sono disponibili con la precisione necessaria, La tecnologia può essere utilizzata anche dove la distanza dall'NFC non sarebbe sufficiente.

Inoltre, i beacon inviano segnali al dispositivo dell'utente senza che sia necessaria alcuna azione, come nel caso dei codici QR o AR, per esempio, che l'utente deve acquisire con la fotocamera. Nella zona interna, i pavimenti non sono più ostacoli.

Questa peculiarità utilizza il protocollo iBeacon e fornisce a “che vanno”, una misurazione della distanza relativa con “Immediato” dice che sei a pochi centimetri di distanza, “Vicino” significa pochi metri e “Lontano” significa più di 10 m di distanza dal faro, Le applicazioni di questa tecnologia sembrano quasi infinite: puoi utilizzare le posizioni relative e assolute dei beacon e quindi rivoluzionare interi settori industriali.

Come si possono usare i beacon?

La tecnologia Beacon è già arrivata nel commercio offline ed è ampiamente scambiata come un'arma prodigiosa per il RoPo (ricerca online – acquisto offline) Astuccio. Con l'app appropriata, lo smartphone può utilizzare un segnale beacon per identificare se l'utente si trova nelle vicinanze di negozi e prodotti che gli interessano. Ecco un piccolo esempio:

Max si siede sul divano la sera e guarda una nuova collezione di cappotti invernali, consulta gli amici sui canali social e indica quali prodotti gli piacciono. Poco dopo si trova in una strada commerciale con un negozio che offre questa collezione. L'app registra i segnali radio dei beacon in background e li valuta: un messaggio push informa Max che un cappotto può essere acquistato nelle vicinanze e gli invia un buono sconto. Max quindi apre l'app. Attraverso altri fari installati nella sua zona, Max può vedere la sua posizione su una mappa e viene visualizzato il percorso di navigazione verso il negozio corrispondente.

Nel negozio, un'altra spinta viene attivata sul tablet del dipendente che sta arrivando un potenziale cliente. Lo informa anche del tempo approssimativo prima che arrivi. Se Max ha già un account cliente, il dipendente apprende anche il nome di Max e il prodotto che sta cercando – il cappotto invernale. Quando arriva Max, il venditore può avvicinarsi a lui e parlargli personalmente, con il prodotto desiderato in mano. Se questo ti sembra familiare: è all'avanguardia nell'e-commerce.

Quali sono le aree di applicazione?

La tecnologia IoT Beacon può essere facilmente integrata nella vita di tutti i giorni.

I primi centri commerciali in America sono già dotati di beacon. Se un cliente entra nel negozio dotato di beacon, sarà informato sulle offerte speciali, sconti, e buoni, o gli verrà ricordato il suo buono compleanno che non è stato ancora riscattato. Se il cliente ha salvato la carta cliente del negozio nell'app associata, può essere già aperto alla cassa.

Ulteriori informazioni sul prodotto, per esempio, gli ingredienti di un cibo, può anche essere visualizzato in un supermercato.

Un altro caso di utilizzo futuristico sarebbe che in futuro il pagamento per l'acquisto verrà effettuato automaticamente quando si esce dal negozio. Per esempio, i beacon potrebbero essere utilizzati come una buona alternativa all'NFC nel segmento dei pagamenti mobili.

Un'altra area di applicazione può essere trovata nel campo dell'educazione. Per esempio, i beacon possono bloccare determinati studenti’ applicazioni – come WhatsApp o Facebook – o blocca immediatamente l'accesso a Internet sul proprio smartphone. inoltre, la presenza degli studenti in classe potrebbe essere verificata mediante i beacon.

I beacon possono anche essere usati per supportare la famiglia. Per esempio, se ti avvicini alla stufa, si apre l'app del libro di cucina. Se ti avvicini al frigorifero, si apre la lista della spesa.

Le possibilità di utilizzo dei beacon sono quindi molto ampie.

Conclusione

Esistono già molte aree di applicazione per i beacon che dovrebbero semplificare la nostra vita quotidiana e supportare processi standard attraverso l'automazione.

L'uso dei beacon è particolarmente interessante per le aree di marketing, pubblicità, navigazione interna, e pagamento mobile. Sebbene questa tecnologia sia ancora agli inizi e continuerà a svilupparsi nei prossimi anni, alcune applicazioni sono già state implementate. Resta da vedere fino a che punto la tendenza con i beacon si svilupperà e si rivelerà utile.